Lenti a contatto

Contattologia

Tipi di lenti a contatto e loro utilizzo

Tecniche costruttive e sviluppi futuri delle lenti a contatto


Le lenti a contatto negli ultimi anni sono andate sempre più differenziandosi in due categorie ben definite. Infatti, a seconda della loro funzione, possono essere un prodotto “cosmetico” (lenti non finalizzate alla correzione delle ametropie più importanti o a risolvere condizioni anche patologiche), oppure un prodotto correttivo (in alternativa agli occhiali).

Le lenti cosmetiche sono un mezzo per conseguire un miglioramento di carattere estetico, colorate, per cambiare il colore degli occhi, sono sempre più standardizzate usa e getta, morbidissime, comode e confortevoli, di basso costo e soprattutto “autogestite” (in taluni casi si va dall’ottico e si pesca nell’espositore sul banco).

Lenti a contatto correttive

Le lenti a contato correttive sono invece sempre più personalizzate, su misura, dotate di capacità correttiva insuperabile, rigide, semirigide, più propriamente chiamate RGP (gas-permeabili), ibride (metà rigide e metà morbide) prodotte con tecnologie sempre più sofisticate, con precisione nanometrica.

Le lenti a contatto correttive, se applicate con competenza da personale specializzato come quello dei Centri Ottici Perris, sono ottimamente tollerate dal punto di vista della salute dell’occhio e soprattutto assolutamente efficaci nella correzione dei difetti visivi anche complessi. Nuovi materiali dotati di caratteristiche impensabili fino a pochi anni fa stanno per giungere sul mercato, dotati della proprietà di essere permeabili all’ossigeno quali fluoro-siliconi-acrilicati-acetilenici tali da consentire l’ossigenazione corneale più che se la lente a contatto non fosse applicata.




I materiali

Altri materiali saranno compositi o ibridi, ovvero dotati di un cuscino morbidissimo idrofilico interposto tra la lente vera e propria e la cornea con caratteristiche di confort assolute. Ma la soluzione finale verrà dalla assoluta personalizzazione del prodotto. Ovvero da lenti a contatto formate sulla cornea secondo un criterio di allineamento assoluto sulla forma corneale che sappiamo essere una calotta asferica irregolare. Aspettative interessanti sono riposte nell’ “Ortocheratologia”, una tecnica ampiamente collaudata e approvata dall’F.D.A. che consente di progettare una lente che è in grado di modellare delicatamente la superficie della cornea in modo da correggere la miopia lieve in modo prolungato, cosicché si toglie la lente e si vede ancora bene. Si mette la lente la sera prima di coricarsi e si toglie al mattino e per il resto della giornata si vede senza occhiali o lenti.

È una tecnica che deve essere svolta da operatori esperti e specializzati in questo specifico metodo. Ci atteniamo alla novità anche per la correzione della presbiopia con soluzioni sempre più specifiche. In conclusione tutta l’innovazione passa, in questo settore, dal concetto della personalizzazione delle lenti a contatto, dal concetto rigoroso del su misura, ovviamente tramite l’opera di un esperto specializzato che con un’attività professionale si fa carico del vostro problema e attua le funzioni necessarie.

Non esitate a recarvi nel centro ottico Comaron per avere informazioni affidabili e precise sul tema delle lenti a contatto, il nostro personale preparato saprà proporvi la miglior soluzione, personalizzata per le vostre esigenze.